HAP – Hub Artistico Pianacci – Con “CEP’ART” ripartono i laboratori di arte per i giovani al Cep/Circolo ARCI Pianacci

In aprile e maggio, con “CEP’ART”,
iniziano il nuovo laboratorio di illustrazione/fumetto (il quarto)
e di writing (il terzo) al Circolo Arci Pianacci

Partono i nuovi laboratori

Anche il 2024 al Circolo Arci Pianacci si vedranno attività continuative, l’area aperta tutti i giorni, gli spazi del circolo circa 300 giorni l’anno, progetti di rete, animatori che accolgono per il gioco libero i minori, spazi per famiglie, proposte, in diversi percorsi progettuali, di offerte ludiche, sportive, sociali per anziani, adulti, giovani.

Vi presentiamo, di seguito, due delle tante iniziative per il 2024, che fanno parte dell’iniziativa “CEP’ART”, promossa e realizzata dal Circolo ARCI Pianacci in collaborazione con SMACK! nell’ambito del progetto regionale “Remind the gap”, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Dal 17 aprile, presso il Circolo ARCI Pianacci, si terrà il laboratorio di illustrazione e fumetto, dalle 16,30 alle 18,30, per due mesi.

Il laboratorio, tenuto da Federico Bonfiglio, è rivolto a giovani dagli 11 ai 17 anni.

L’accesso al laboratorio è gratuito e a numero limitato.

A maggio, invece, con date da definire insieme agli iscritti, partirà il corso di writing, tenuto da Web3, Andrea Castagnino.

I corsisti potranno usare due lavagne di 30 metri x 2 che sono due muri dell’Area Pianacci utilizzate, da 4 anni, per i corsi di writing e per i muri di libera espressione.

Rivolto a giovani tra i 12 e i 17 anni.

Per Info e/o prenotazioni

Chi è interessato contatti whatsapp al 3476419212 – mail: corsi@pianacci.it

Hub Artistico Pianacci

Il Circolo ha scelto, da anni, di sposare alcuni ambiti culturali o sociali, declinandoli in progetti e attività, adatti a favorire occasioni e opportunità.
Per la città, il ponente e, soprattutto, per il Cep.

Ovviamente che le attività siano IN periferia non significa siano DI periferia.

Uno degli ambiti a cui teniamo molto è quello dei laboratori e iniziative su alcune arti giovani e per giovani.
In particolare il fumetto/illustrazione e il writing.

Pensiamo che non solo favorire iniziative, ma dare anche una continuità, creare scambi frequenti tra persone interessate a queste discipline, strutturare laboratori che siano dei piccoli corsi in maniera costante negli anni, siano un modo per favorire la creazione di luoghi di cultura in città.
E, per quanto riguarda noi, al Cep.

Luoghi dove sia possibile incontrare altri artisti, ragazzi/e interessati e appassionati alle arti proposte anche in luoghi “decentrati”.

Per fare questo il Circolo ha sviluppato collaborazioni e progettualità nelle quali propone queste due arti in diverse modalità.

I percorsi sono promossi ed organizzati confrontandosi con molte delle realtà sociali, associative, scolastiche, istituzionali del ponente in modo da essere una occasione al servizio sia dei singoli che dei vari circuiti che si dedicano, con vari titoli ed approcci, all’educazione per i giovani.

Questi laboratori che proponiamo sono pensati per essere, oltre che occasione di espressività, anche occasioni di imparare tecnicamente specifici linguaggi artistici.

Il laboratorio di illustrazione/fumetto è il quarto dopo tre realizzati con Enrico Macchiavello, noto per le sue iconiche pubblicità Ceres.
Con il fumetto sono stati realizzati anche altri singoli eventi come incontri con disegnatori che hanno prestato le loro matite a Topolino (es. Francesco D’Ippolito) o autori di Graphic Novel (es. Stefano Tirasso) che si sono prestati ad iniziative al Cep, laboratori in alcune scuole e altre iniziative.

La palla passa, con questo corso, all’illustratore Federico Bonfiglio che ha al suo attivo diversi lavori e, soprattutto, corsi con giovani interessati all’ arte del disegno.

Il writing è una arte urbana, e delle “periferie” (qualunque significato sia rimasto attaccato a questo termine) e per questo è fisiologicamente adatta ad essere un linguaggio da promuovere nella città di ponente.

Il writing è una cultura, una tecnica artistica, una modalità espressiva e in tal senso deve poter essere approcciata in diversi modi: libero, professionale, espressivo, pubblico, individuale.

Il fumetto è una arte giovane, che permette un approccio diretto e libero ai giovani, favorisce l’espressione e il contatto con tematiche sociali e culturali.
Un “media” creativo, multiforme e sempre attuale e che interessa tutti.

Per il corso di writing anche quest’anno il docente sarà Andrea Castagnino, in arte Web3, genovese, autore di ambito nazionale che ha al suo attivo tantissimi lavori in città come il murales di Don Gallo dai Giardini Luzzati, il murales visibile a Sampierdarena passando per Lungomare Canepa, per un negozio di articoli di pesca e molti altri.

Per il writing il Circolo Arci Pianacci è anche promotore, insieme agli artisti Drina e GiulioGol, del primo Patto di Collaborazione che ha dato origine ai primi Muri di Libera espressione a Genova, una grande parte siti in Via Novella e una parte, per i più piccoli, nell’Area Pianacci.

L’Area Pianacci è anche una mostra aperta di grandi lavori di murales e writing realizzati in diversi eventi da artisti nazionali come Weik e MrWany oltre a lavori di Drina, GiulioGol, BDS Crew e un murales dello stesso Enrico Macchiavello.

Nell’Area sono presenti anche lavori di giovani artisti.

Diverse sono state anche le iniziative laboratoriali realizzate con i ragazzi per pensare e realizzare murales insieme a Drina.

Immagini di Federico Bonfiglio

un’illustrazione di Federico Bonfiglio
(clicca per ingrandire)
un’illustrazione di Federico Bonfiglio
(clicca per ingrandire)

Immagini d’archivio da precedenti laboratori

I nuovi laboratori


(tutti i dettagli cliccando sull’immagine)

E’ sempre un piacere ospitare gli scout…

Giornata molto intensa, ieri, al Circolo ARCI Pianacci.

Fin dal primo mattino, e fino al tardo pomeriggio, il PalaCep ha infatti ospitato la 77^ edizione dell’Assemblea AGESCI Liguria, con la presenza di oltre 500 scout provenienti da tutta la regione.

Una presenza allegra, gioiosa, che ha avuto la giusta cornice di una giornata radiosa, con il caldo sole a farla da protagonista.

E’ sempre un piacere ospitare gli scout.

Nonostante abbiano (tutti) pranzato negli spazi all’aperto, al termine della loro assemblea non c’era manco una minima presenza, per terra, di carta, bicchieri o altro…

Come si evince da una delle foto, si sono pure organizzati proponendo una raccolta differenziata.

E pure il PalaCep, benché stracolmo per oltre 10 ore, pochi minuti dopo la conclusione dei lavori si presentava pulito (e con le sedie ben stoccate) come era stato consegnato, grazie all’intenso e rapido lavoro di alcuni scout.

Veramente bravi!!!

Alla prossima!

(clicca per ingrandire)

Dona il 5×1000 al Circolo ARCI Pianacci…è gratis!

Come destinare il 5 per mille

Le persone fisiche potranno indicare nella propria dichiarazione dei redditi, il codice fiscale 95047280102 (non il nome dell’Associazione!) e destinare così, senza alcun costo aggiuntivo, il 5 per mille delle proprie tasse alle importanti attività sociali dell’Associazione “ Consorzio Sportivo Pianacci “

Dove indicare la scelta

In caso di scelta si dovrà apporre la propria firma nel riquadro indicante ”Sostegno degli Enti del Terzo Settore iscritti nel RUNTS di cui all’art. 46 c.1, del D.L.G.S. 3 luglio 2017, n.117, comprese le cooperative sociali ed escluse le imprese sociali costituite in forma di società, nonché sostegno delle Onlus iscritte all’anagrafe” che troverete nel modello da voi utilizzato, e ricordarsi di indicare il codice fiscale (95047280102) dell’Associazione “Consorzio Sportivo Pianacci” (e non il nome!)

(clicca per ingrandire)

Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall’ente erogatore della pensione, può fare la donazione del 5xmille usando la scheda disponibile a questo link.

Si tratta di una scheda unica per la scelta della destinazione dell’8, 5 e 2 per mille dell’Irpef.
In ogni caso, le scelte della destinazione dell’8, 5 e 2 per mille non sono alternative tra di loro e possono pertanto essere tutte espresse.

Come verranno utilizzati questi contributi?

I contributi saranno utilizzati per le attività dell’Associazione “Consorzio Sportivo Pianacci” che, con il suo Circolo Arci, rappresenta una delle strutture più attive (dal 1997) al Cep di Genova Pra’; un quartiere dal passato problematico (tipico delle periferie urbane) che da anni sta offrendo una positiva “visibilità”, tanto da essere diventato ormai un consolidato punto di riferimento tra i migliori nell’ambito cittadino per  promuovere incontri e socialità.

In questo percorso, lento ma concreto, di riqualificazione di un intero quartiere, l’Associazione “Consorzio Sportivo Pianacci” riveste un ruolo importante che, grazie anche al Vostro prezioso contributo, potrà beneficiare di un ulteriore supporto.

Grazie!!!

Quindi, riassumendo, come devolvere il 5×1000 al Circolo ARCI Pianacci?

E’ semplice:

_Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico

_Firma nel riquadro “”Sostegno degli Enti del Terzo Settore iscritti nel RUNTS…”

_Indica il codice fiscale: 95047280102

(clicca per ingrandire)

Qualcuno, legittimamente, si chiederà quali siano i costi che deve sostenere la nostra Associazione.

Nel corso del 2023 la nostra Associazione ha dovuto affrontare, tra gli altri,  i seguenti costi:

Utenze7.300 euro
Manutenzioni ordinarie e straordinarie19.700 euro
Coperture assicurative4.200 euro
TARI annuale3.200 euro

Tutto questo per garantire, sempre, l’apertura quotidiana degli spazi gestiti dal Circolo Pianacci.

Poi, coperti questi costi, occorre reperire le risorse per le nostre attività, ad accesso gratuito, per minori, adolescenti, giovani ed anziani, che nel corso del 2023 hanno comportato un investimento complessivo pari a circa 35.000 euro…

passaparola…

A questo link la relazione sulle attività 2023 che sarà presentata nel corso dell’Assemblea Annuale dei Soci del Circolo ARCI Pianacci del 6 aprile 2024
(nella foto qui sotto una sintesi grafica)

(clicca per ingrandire)

A questo link invece tutti i “numeri” (e le foto) delle attività 2023
del Circolo ARCI Pianacci
(nella foto qui sotto una sintesi grafica)

(clicca per ingrandire)

Domande frequenti

Chi può donare il 5×1000?

Ogni contribuente che compila la dichiarazione dei redditi può destinare il 5×1000 delle proprie tasse a una organizzazione no profit.

Qual è il termine per la consegna della dichiarazione dei redditi?

La presentazione del modello 730/2023 deve essere effettuata entro il 30 settembre, che però quest’anno cadendo di sabato, slitta al 2 ottobre 2023. Il modello 730 precompilato sarà disponibile nell’apposita sezione dell’Agenzia delle entrate, a partire dal 30 aprile, tramite il quale, i contribuenti potranno accedere utilizzando:

un’identità SPID;
CIE – Carta di identità elettronica;
una Carta Nazionale dei Servizi.
e accettare il modello 730 così come proposto oppure modificarlo / integrarlo prima dell’invio.

I contribuenti interessati al modello Redditi precompilato, invece, possono solo modificarlo / integrarlo e infine inviarlo all’Agenzia delle Entrate.

Chi sono i beneficiari del 5 per mille?

Ogni anno l’Agenzia delle Entrate pubblica online un elenco aggiornato di tutti i beneficiari (enti, associazioni e organizzazioni) che possono ricevere il 5×1000.
Il Circolo ARCI Pianacci rientra tra le associazioni di volontariato 5 per mille.

Cosa succede se non scelgo il 5 per mille?

Se ti stai chiedendo se la scelta del cinque per mille sia obbligatoria o meno, devi sapere che destinare il 5×1000 non è una scelta obbligata. Se si appone la firma per il cinque per mille senza specificare l’ente beneficiario, la quota del proprio 5 x mille sarà destinata al comparto prescelto in modo proporzionale a partire dal numero di preferenze ricevute dalle associazioni legate alla medesima categoria.

Se invece non si appone né la firma né il codice fiscale per il 5×1000, la quota sarà destinata in automatico allo Stato.

Chi eroga il 5 per mille?

Il 5 per mille è la quota di imposta sui redditi che viene ceduta dal contribuente agli enti no profit iscritti all’elenco dei beneficiari pubblicato dall’Agenzia delle Entrate.

Il Circolo ARCI Pianacci visto da un drone…

 

Convocata per sabato 6 aprile l’Assemblea Ordinaria dei Soci 2024

Convocata per il prossimo 6 aprile l’Assemblea Ordinaria dei Soci

Il giorno 5 aprile 2024 presso la sede di via della Benedicta 14-16, alle ore 00.30 in prima convocazione ed il giorno sabato 6 aprile 2024 alle ore 15.00 in seconda convocazione, se alla prima non dovesse essere presente la metà più uno dei Soci, è convocata l’Assemblea Ordinaria Annuale dei Soci dell’A.P.S. “Consorzio Sportivo Pianacci”.

Come da disposizione dello Statuto vigente, hanno diritto di voto in assemblea i soci maggiorenni in regola con il tesseramento alla data del 7 gennaio 2024.


In base al vigente Statuto sono ammesse tre deleghe per ogni socio.

All’ingresso i Soci firmeranno in apposito elenco la presenza per sé e per gli eventuali Soci deleganti.

A questo link è possibile scaricare, se necessario, il modulo per poter rappresentare un altro Socio tramite delega.

*si ricorda che la seconda convocazione è fissata, come da Statuto, con almeno 24 ore di distanza dalla prima convocazione

ORDINE DEL GIORNO

Ore 15.00

_Verifica validità assemblea, nomina Presidente dell’Assemblea e Segretario

Ore 15.15

_Relazione del Presidente sull’attività 2023

_Presentazione ed approvazione rendiconto economico esercizio 2023

_aggiornamento sulle attività 2024 dell’Associazione

_varie ed eventuali

Si raccomanda la più ampia partecipazione.
Grazie!

Created with GIMP

tutto è iniziato quel giorno (Circolo ARCI Pianacci, 8 marzo 1997)

di Carlo Besana,
Presidente onorario del Circolo ARCI Pianacci

9862 giorni fa, 8 marzo 1997, veniva inaugurato ufficialmente il Circolo ARCI Pianacci, alla presenza di molte autorità, in primis il Sindaco Adriano Sansa.

In qualità di neo-presidente toccò a me illustrare, microfono in mano, quali fossero sia le emozioni che le aspettative di questa comunità.

Ero arrivato nel quartiere da pochi mesi, la responsabilità che mi era stata data già mi appariva molto gravosa…

Non potevo sapere che non sarei più riuscito a “liberarmi” da questo impegno…

e dopo 9862 io e Susanna siamo ancora qui, a rimboccarci ogni giorno le maniche, con i nostri preziosi collaboratori, ed a vivere, senza farci troppo travolgere, sia le grandi soddisfazioni che le cocenti delusioni.

In questo video di pochi minuti una parte del mio primo “discorso pubblico” al Pianacci
il testo è riportato qui sotto, ancora molto attuale…

Il testo

“…Posso aggiungere qualcosa, così, per gli scettici.

Nei giorni scorsi qualcuno in farmacia è venuto a dirmi: ”Ho già visto due inaugurazioni questa è la terza e l’area non è mai partita”…


bene ai non credenti potremo dire: da lunedì, in quest’area, le scuole medie utilizzeranno l’impianto, mattino e pomeriggio il lunedì, mattina e pomeriggio il martedì e pomeriggio il mercoledì.

Quindi inaugurazione oggi e lunedì in tempo reale già l’area apre, apre al pubblico ed apre a tutti quanti, quindi non solo per le bocce, non solo per chi vorrà fare pallavolo eccetera ma per le scuole, quindi per i nostri bambini, per i bambini del nostro quartiere.

Io questa mattina sinceramente sento un peso sulle spalle incredibile, perché avverto la fiducia della gente e mi preoccupa il fatto che qui qualcuno abbia avuto l’incoscienza di darmi un incarico così al buio.
Io sono l’ultimo arrivato in questo quartiere, ci sono solo da un anno e mi gratifica molto questa fiducia, che mi ha dato la gente, di occuparmi assieme agli altri amici, Veneziani, Gianna e molti altri di questo consorzio.

Nello stesso tempo mi preoccupa perché so benissimo che è un’impresa titanica, perché è una struttura, non dimentichiamolo, che avrà una sua attività ridotta perché nei mesi invernali difficilmente si potrà fare attività su quest’area, le entrate quindi saranno veramente poche rispetto all’impegno economico enorme di base che occorrerà per tenere viva questa struttura.

Noi siamo fiduciosi del fatto che il sopralluogo fatto ieri dai tecnici del comune e dello IACP, e il sopralluogo che ha potuto fare oggi il signor Sindaco con i suoi assessori, possa aprire una porta ad un completamento effettivo di quest’impianto, che necessita ancora di alcuni ritocchi per poterlo rendere funzionale al massimo.

Quello che ritengo importante è poter dare nuovamente questo tipo di messaggio a voi come è stato dato a qualcuno ieri in assemblea.
Noi partiamo oggi ufficialmente però c’è bisogno della collaborazione di tutti affinché quest’area possa essere sempre viva.

Il quartiere ha bisogno dei suoi spazi e questo è uno spazio stupendo; sì, si può fare molta critica, probabilmente l’investimento su quest’area magari non è stato ottimale, mancano ancora alcune cose, però non dimentichiamoci che qui l’amministrazione pubblica ha fatto un grosso investimento sul quartiere, ed è una struttura che se non l’avessimo la sogneremmo…

quello che mi rende fiducioso è il fatto che in questi giorni molta gente ha dimostrato come sente già sua quest’area.

Di solito signor Sindaco quando arriva una persona importante a casa si mettono a posto la polvere, si tira fuori l’argenteria che non si usa mai…

qui molta gente nei giorni scorsi è venuta a mettere a posto dare dei ritocchi agli alberi, a pulire bene perché arrivano le persone importanti, non si poteva fare brutta figura.

Ecco questa è la realtà di questo quartiere di gente semplice gente umile con un cuore grande così.
E lo vuol dimostrare sicuramente anche attivando quest’area nel modo giusto.

Volevo solo riallacciarmi un secondo a quanto ha detto prima l’assessore relativamente al quartiere stupendo con vista mare.
E’ verissimo, però assessore la gente vive nelle case, e qui le case spesso e volentieri non sono degne di tal nome.

Mi fa piacere che il presidente dello IACP abbia dato questa notizia di questi interventi, sono interventi che occorrono…
in farmacia, li vedo tutti, conosco tutti e sento tutte le storie.

Qui la gente vede ogni giorno messa a dura prova la propria dignità.
La persona normale, quando va in vacanza dice: ”Mi sono sentito come a casa mia”.

Qui per molta gente dire “mi sento come a casa mia” è un eufemismo…

a questa gente dobbiamo dare un messaggio di speranza, però dobbiamo anche chiedere un grosso impegno.

Lo so che il quartiere è popolato da tantissima brava gente, quelli che appaiono spesso sui giornali, sono sicuramente dei luoghi comuni, non dico delle leggende perché sicuramente attingeranno a fatti realmente accaduti…

però la gente qui è in massima parte brava gente e a questa brava gente bisogna dire che come lo so io che qui c’è molto brava gente è giusto che lo facciamo sapere a tutta la città per cui stringiamoci attorno a quest’area, facciamola funzionare e quando avremo dimostrato all’amministrazione pubblica, che ci ha dato tanto, fornendoci questa struttura, quando avremo dimostrato di essere in grado di fare le cose per bene, allora potremo tornare a chiedere, con più forza e con più diritto.

Grazie a tutti voi.”

———————–

p.s.: oggi chiamerò l’ex Sindaco Adriano Sansa, che è sentimentalmente molto legato al nostro quartiere.

Sono certo che ci emozioneremo entrambi…

disegno Pianacci 1997
(clicca per ingrandire)

20 dicembre 2023, torna “Giocattoli senza frontiere” al Circolo ARCI Pianacci!

E’ diventata quasi una preziosa “tradizione”…

nella settimana che conduce al S. Natale al Circolo ARCI Pianacci si ripropone un’iniziativa che in passato ha già registrato un grande successo.

Grazie a Genova Solidale ed al Circolo Operaio di Sestri Ponente torna infatti “Giocattoli senza frontiere”, con lo stesso efficace intento: “Regaliamo un gioco a chi ne ha più bisogno. Insieme contro l’individualismo”.

Giocattoli e libri vengono raccolti dai volontari di Genova Solidale, sanificati, suddivisi per fasce di età, e quindi distribuiti gratuitamente ai bambini in diverse piazze della città, in giorni differenti.

Presso il Circolo ARCI Pianacci l’appuntamento per bambini e famiglie è fissato per mercoledì 20 dicembre, dalle 15 alle 18.

Passaparola!!!

(clicca per ingrandire)

Che spettacolo il Tiro con l’Arco al Pianacci!!!

Uno splendido sole accoglie organizzatori ed arcieri al Circolo ARCI Pianacci per il Trofeo CONI di tiro con l’arco, organizzato dall’ASD Arcieri Grande Genova in collaborazione con FitArco, gara riservata ad atleti nati dal 2009 al 2013 e tesserati per ASD o SSD in regola con l’iscrizione al Registro Nazionale delle Società Sportive Dilettantistiche.

Da molti anni la società sportiva, grazie all’entusiasmo, costanza e passione del Prof. Francesco Dominici, ha trovato al Cep di Pra’ un punto di riferimento costante per la promozione di questa disciplina, che può contare sulla disponibilità della Sala Foglino.

In questa occasione, confidando sul bel tempo, il campo da gara è stato allestito all’aperto, sul campo da calcetto che, come documentato dalle fotografie, ha offerto un fantastico colpo d’occhio.

3 giugno 2023 – Circolo ARCI Pianacci – Trofeo CONI di Tiro con l’arco –
(clicca per ingrandire)

Alla ricerca di “diamanti grezzi”…

Dalla maestosità della “Marcia trionfale dell’Aida” alle intramontabili colonne sonore di Ennio Morricone, passando attraverso le romantiche note di “Stardust” per approdare all’irresistibile, coinvolgente ritmo di “Oye como va?”, antipasto della festa collettiva che viene scatenata dall’allegra “Beer Barrel Polka”, da noi nota come “Rosamunda”, che nel bis fa partire uno spontaneo “trenino”, proprio come accadde nel corso di un grandioso concerto a Maastricht della Johan Strauss Orchestra diretta da André Rieu (il cui video su youtube conta circa 6 milioni di visualizzazioni…).

“Diamanti grezzi” – 20 maggio 2023 – “il trenino”
(clicca per ingrandire)

Un clima di allegria tale da contagiare anche il direttore Fabiano Cudiz che per qualche decina di secondi lascia al loro destino i musicisti per esibire le sue doti di ballerino, improvvisando un ballo con la Direttrice Artistica dell’Associazione Culturale Anfossi, Carla Magnan, accomunati non solo dalle loro origini friulane ma, soprattutto, dalla soddisfazione per un evento ben riuscito, aldilà di ogni più rosea previsione.  

in questo video, inviatoci da una signora presente al concerto, il “trenino” finale (che coinvolge anche la Dirigente Scolastica Alessia Patti, ed in cui si intravvedono, in alto a sinistra, Fabiano Cudiz e Carla Magnan impegnati nei loro impeccabili passi di ballo)…

curiose le analogie con il video dal Concerto di Maastrich
della Johann Strauss Orchestra diretta da André Rieu

Tutto questo, e molto altro, nei 90 minuti del Concerto dell’Ensemble di Ottoni del Conservatorio Niccolò Paganini di Genova, diretto da Fabiano Cudiz, tenutosi ieri alla Sala Foglino del Circolo ARCI Pianacci, letteralmente stracolma di famiglie che hanno risposto, con entusiasmo, ad un progetto che per il battesimo cittadino ha felicemente scelto il Cep di Genova.

“Diamanti grezzi” è un interessante ed innovativo progetto che ha visto coinvolti i ragazzi della scuola del Cep di Pra’, quartiere ad alta dispersione scolastica, e l’ensemble di ottoni del conservatorio Paganini di Genova, per i quali l’Associazione Culturale Anfossi (in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Voltri II e la Scuola della Pace di Sant’Egidio) ha ideato e creato un percorso musicale rivolto in particolare alle nuove generazioni, con un ponte ideale creato dall’esperienza musicale.

All’interno del programma, ben articolato dallo stesso direttore, è stato inserito un brano originale scritto (ed interpretato) dai bambini della classe terza e quarta elementare, un gruppo che, allargato alle altre classi elementari ed alla 1^ media, si è poi brillantemente esibito sia con “Happy” di Pharrell Williams, brano reso ancor più popolare dallo spot Tim di qualche anno fa, che con l’Inno di Mameli, con il naturale coinvolgimento, anche vocale, di tutti i presenti, rigorosamente e rispettosamente in piedi.

“Diamanti grezzi” – 20 maggio 2023 – tutti in piedi per l’Inno di Mameli
(clicca per ingrandire)

…ed i bambini ce la mettono tutta per non sfigurare durante l’esecuzione dell’Inno di Mameli…

Evidente e palpabile la soddisfazione della Dirigente Scolastica Alessia Patti e delle insegnanti Tiziana Cortesia ed Ylenia Volpe, che con le loro colleghe hanno il merito di aver ben preparato i cori di bambini, così come di Sergio Casali, colonna della Comunità di Sant’Egidio.

Era presente anche Guido Barbazza, Presidente del Municipio VII Ponente che ha patrocinato l’evento, che nel corso del suo intervento ha sottolineato l’importanza della musica come linguaggio universale, che non conosce barriere.

Rivolgendosi ai bambini ha utilizzato un esempio sicuramente efficace nella sua semplicità: “Se uno di questi trombettisti, che fra poco suonerà per voi, dovesse prendere l’aereo ed andare, ad esempio, a New York, anche non conoscendo una sola parola di inglese potrebbe immediatamente mettersi a suonare con qualunque altro musicista proveniente da qualunque altro posto del mondo, proprio perché il linguaggio della musica è universale, non ha confini…”.

Un esempio che mi è sembrato perfettamente calzante durante l’esibizione dei bambini, con il piccolo Christian a strabiliare tutti con il perfetto ritmo da percussione fatto vocalmente al microfono con un impeccabile “tunf tunf”, così bravo da indurre il direttore Fabiano Cudiz a farlo esibire brevemente anche da solista, con un applauditissimo assolo, senza mostrare timore o timidezza nel trovarsi davanti ad un microfono e ad oltre 200 persone…

“Diamanti grezzi” – 20 maggio 2023 – l’assolo di Christian
(clicca per ingrandire)

in questo video, inviatomi da una mamma, il brano composto ed eseguito dai bambini di terza e quarta elementare con il ritmo dettato dalla “percussione vocale” di Christian

chissà se Christian, od altri, avranno la possibilità di sviluppare e perfezionare, nel tempo, le loro indubbie potenzialità…

non a caso per questo progetto è stato scelto il titolo “Diamanti Grezzi”…

Il diamante grezzo, appena scavato, non è bello e lucente e può essere scambiato per un semplice sasso…

“diamanti grezzi” è anche un’espressione utilizzata per definire chi ha potenzialità di qualità che non emergono in quanto poco coltivate

nelle periferie (ed a maggiore ragione al Cep, periferia di periferia) ci sono molti “diamanti grezzi”, e c’è necessità di un profondo e continuo lavoro di squadra per far emergere le loro capacità accompagnandole in percorsi che possano aiutarli a portarle alla luce…

Percorsi che oggi sembrano affidati solo alla felice casualità dell’incontro con associazioni del territorio, che possono fare molto ma non possono certo sopperire all’assenza di una vera e propria progettualità che dovrebbe essere pertinenza della pubblica amministrazione, come ha peraltro auspicato il presidente del Municipio.

Da alcuni anni con il Circolo ARCI Pianacci promuoviamo (con partecipazione totalmente gratuita) laboratori dedicati a diverse espressioni artistiche (writing, fumetto, rap), accanto a percorsi sportivi inclusivi, un impegno (totalmente gestito in forma di volontariato) che per nostra scelta si aggiunge a quello che sarebbe il compito “ufficiale”, cioè la gestione e manutenzione dei 16.000 mq dell’Area Pianacci.

Qualche giorno fa siamo stati contattati, con urgenza, dagli organizzatori di “Diamanti Grezzi”; il concerto si sarebbe dovuto tenere all’aperto ma incombeva un  rischio pioggia dato dalle previsioni meteo…

il PalaCep, che sarebbe stato una soluzione perfetta, non è ancora agibile per eventi aperti al pubblico in quanto sono ancora in atto i lavori per adeguamento alla normativa antincendio.

Abbiamo proposto la disponibilità gratuita della “Sala Foglino”, normalmente utilizzata per sedute di tiro con l’arco o allenamenti di ballo o di pattinaggio per i più piccoli…

sulla carta non l’ideale in quanto ad acustica, ma si è fatta di necessità virtù…

e tutto sommato, probabilmente grazie anche alla sala stracolma, tutto è andato per il verso giusto, anche l’acustica, con il service audio ben gestito come sempre dall’amico Mario Rollandini

alcune immagini dell’Ensemble di Ottoni del Conservatorio Niccolò Paganini di Genova
e del Direttore Prof. Fabiano Cudiz

da parte mia, doveroso il “grazie di cuore!” a Mario Nastà, Rocco Balbo e Ndiagar Gueye (quest’ultimo venuto appositamente dal centro storico), nostri collaboratori che, benché “non in servizio” durante il weekend, si sono presentati a fine concerto per sistemare le sedie e lavare il parquet, visto che la domenica la sala è utilizzata per attività di ballo.

Felici anche loro di aver contribuito alla buona riuscita di un evento che merita di essere riproposto, alla ricerca di diamanti grezzi da riconoscere e valorizzare…

(clicca per ingrandire)

Il tuo “5×1000” al Circolo ARCI Pianacci…è gratis!!!

Come destinare il 5 per mille

Le persone fisiche potranno indicare nella propria dichiarazione dei redditi, il codice fiscale 95047280102 (non il nome dell’Associazione!) e destinare così, senza alcun costo aggiuntivo, il 5 per mille delle proprie tasse alle importanti attività sociali dell’Associazione “ Consorzio Sportivo Pianacci “

Dove indicare la scelta

In caso di scelta si dovrà apporre la propria firma nel riquadro indicante ”Sostegno degli Enti del Terzo Settore iscritti nel RUNTS di cui all’art. 46 c.1, del D.L.G.S. 3 luglio 2017, n.117, comprese le cooperative sociali ed escluse le imprese sociali costituite in forma di società, nonché sostegno delle Onlus iscritte all’anagrafe” che troverete nel modello da voi utilizzato, e ricordarsi di indicare il codice fiscale (95047280102) dell’Associazione “Consorzio Sportivo Pianacci” (e non il nome!)

(clicca per ingrandire)

Anche chi non compila la dichiarazione dei redditi, ovvero chi ha solo il modello CU fornitogli dal datore di lavoro o dall’ente erogatore della pensione, può fare la donazione del 5xmille usando la scheda disponibile a questo link.

Si tratta di una scheda unica per la scelta della destinazione dell’8, 5 e 2 per mille dell’Irpef.
In ogni caso, le scelte della destinazione dell’8, 5 e 2 per mille non sono alternative tra di loro e possono pertanto essere tutte espresse.

Come verranno utilizzati questi contributi?

I contributi saranno utilizzati per le attività dell’Associazione “Consorzio Sportivo Pianacci” che, con il suo Circolo Arci, rappresenta una delle strutture più attive (dal 1997) al Cep di Genova Pra’; un quartiere dal passato problematico (tipico delle periferie urbane) che da anni sta offrendo una positiva “visibilità”, tanto da essere diventato ormai un consolidato punto di riferimento tra i migliori nell’ambito cittadino per  promuovere incontri e socialità.

In questo percorso, lento ma concreto, di riqualificazione di un intero quartiere, l’Associazione “Consorzio Sportivo Pianacci” riveste un ruolo importante che, grazie anche al Vostro prezioso contributo, potrà beneficiare di un ulteriore supporto.

Grazie!!!

Quindi, riassumendo, come devolvere il 5×1000 al Circolo ARCI Pianacci?

E’ semplice:

_Compila il modulo 730, il CU oppure il Modello Unico

_Firma nel riquadro “”Sostegno degli Enti del Terzo Settore iscritti nel RUNTS…”

_Indica il codice fiscale: 95047280102

(clicca per ingrandire)

Qualcuno, legittimamente, si chiederà quali siano i costi che deve sostenere la nostra Associazione.

Nel corso del 2022 la nostra Associazione ha dovuto affrontare, tra gli altri,  i seguenti costi:

Utenze10.800 euro
Manutenzioni ordinarie e straordinarie13.300 euro
Coperture assicurative3.600 euro
TARI annuale3.200 euro

Tutto questo per garantire, sempre, l’apertura quotidiana degli spazi gestiti dal Circolo Pianacci.

Poi, coperti questi costi, occorre reperire le risorse per le nostre attività, ad accesso gratuito, per minori, adolescenti, giovani ed anziani, che nel corso del 2022 hanno comportato un investimento complessivo pari a circa 50.000 euro…

passaparola…

A questo link la relazione sulle attività 2022 che sarà presentata nel corso dell’Assemblea Annuale dei Soci del Circolo ARCI Pianacci del 22 aprile 2023
(nella foto qui sotto una sintesi grafica)

(clicca per ingrandire)

A questo link invece tutti i “numeri” (e le foto) delle attività 2022
del Circolo ARCI Pianacci
(nella foto qui sotto una sintesi grafica)

(clicca per ingrandire)

Domande frequenti

Chi può donare il 5×1000?

Ogni contribuente che compila la dichiarazione dei redditi può destinare il 5×1000 delle proprie tasse a una organizzazione no profit.

Qual è il termine per la consegna della dichiarazione dei redditi?

La presentazione del modello 730/2023 deve essere effettuata entro il 30 settembre, che però quest’anno cadendo di sabato, slitta al 2 ottobre 2023. Il modello 730 precompilato sarà disponibile nell’apposita sezione dell’Agenzia delle entrate, a partire dal 30 aprile, tramite il quale, i contribuenti potranno accedere utilizzando:

un’identità SPID;
CIE – Carta di identità elettronica;
una Carta Nazionale dei Servizi.
e accettare il modello 730 così come proposto oppure modificarlo / integrarlo prima dell’invio.

I contribuenti interessati al modello Redditi precompilato, invece, possono solo modificarlo / integrarlo e infine inviarlo all’Agenzia delle Entrate.

Chi sono i beneficiari del 5 per mille?

Ogni anno l’Agenzia delle Entrate pubblica online un elenco aggiornato di tutti i beneficiari (enti, associazioni e organizzazioni) che possono ricevere il 5×1000.
Il Circolo ARCI Pianacci rientra tra le associazioni di volontariato 5 per mille.

Cosa succede se non scelgo il 5 per mille?

Se ti stai chiedendo se la scelta del cinque per mille sia obbligatoria o meno, devi sapere che destinare il 5×1000 non è una scelta obbligata. Se si appone la firma per il cinque per mille senza specificare l’ente beneficiario, la quota del proprio 5 x mille sarà destinata al comparto prescelto in modo proporzionale a partire dal numero di preferenze ricevute dalle associazioni legate alla medesima categoria.

Se invece non si appone né la firma né il codice fiscale per il 5×1000, la quota sarà destinata in automatico allo Stato.

Chi eroga il 5 per mille?

Il 5 per mille è la quota di imposta sui redditi che viene ceduta dal contribuente agli enti no profit iscritti all’elenco dei beneficiari pubblicato dall’Agenzia delle Entrate.

Il Circolo ARCI Pianacci visto da un drone…

 

Wall Out Magazine, il Pianacci e…grazie a chi ci racconta…

Il Pianacci è diventato uno dei luoghi dell’arte urbana a Genova.

Grazie a tanti progetti, bandi, persone, contributi, con già due laboratori di writing, il “vecchio” progetto “All for Hip Hop”, poi l’happening “I muri della Resistenza” e l’evento “Pru a Pra”.

Parallelamente abbiamo ospitato tanti altri importanti interventi di arte muraria con Drina A12 e Giuliogol e, con loro, realizzato i Muri di Libera Espressione.

Chi viene “su” può vedere i loro murales oltre a quelli di altri nomi nazionali come Fabio Weik, Mr Wany, Enrico Macchiavello.

Il più recente murales, nei muri di libera espressione, quelli dentro Area Pianacci, uno dell’amico Gio Shentwo.

Lo spazio culturale, sociale, umano dell’arte urbana, street art, murales è una delle cose più belle che stiamo promuovendo e ospitando.

Colore, pensieri in colore, vitalità, voglia di esserci, condivisione.

Grazie ancora a chi ci racconta!!!

Link all’articolo di Wallout Magazine
del 10 marzo 2023